Navigation

La Banca nazionale svizzera rimane indipendente se non può più investire in armi?

Radar del sistema di difesa aerea Patriot a Menzingen: il produttore di questi apparecchi, l'impresa americana "Raytheon" figura tra le società in cui la BNS ha investito centinaia di milioni di franchi. Keystone / Alexandra Wey

Il popolo svizzero deciderà prossimamente in merito all'iniziativa "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico". La Banca nazionale svizzera (BNS) invita a votare "no": l'iniziativa limiterebbe la sua indipendenza. Ma quest’ultima non è assoluta.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 novembre 2020 - 10:00
Fabio Canetg, collaboratore scientifico del centro di studi Gerzensee

Da 172 anni la Svizzera conosce i conflitti armati solo per sentito dire. Ma, ancora oggi, ne è indirettamente coinvolta: La BNS finanzia produttori di materiale bellico. Tra questi figura la società statunitense Raytheon, di cui la banca centrale svizzera detiene una partecipazione di 369 milioni di franchi svizzeri. Raytheon produce missili che, secondo il New York Times, sono usati contro la popolazione civile nella guerra in corso nello Yemen. Complessivamente la Banca nazionale investe circa 20 miliardi di franchi in aziende attive nel commercio di armi.

Tutto questo dovrebbe finire presto. Questo è quanto chiede l'iniziativa popolare "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico". L'iniziativa chiede che in futuro la piazza finanziaria svizzera non possa più partecipare ad aziende che generano oltre il 5% del loro fatturato con la produzione di materiale bellico.

La maggioranza del Parlamento, il Consiglio federale e la BNS si oppongono all'iniziativa. "Attaccare l'indipendenza della BNS limitando gli investimenti mette a repentaglio il suo mandato di base ", ha avvertito il consigliere nazionale Thomas Rechsteiner (PPD) durante il dibattito parlamentare. La Banca nazionale ha il compito di garantire la stabilità dei prezzi.

L'indipendenza della politica monetaria è essenziale

Da dove viene questa paura? La Banca nazionale deve la sua indipendenza alla ricerca accademica. In seguito agli elevati tassi di inflazione degli anni Settanta, la ricerca accademica ha affermato che solo una politica monetaria indipendente può impedire una nuova impennata dell'inflazione. I ministeri delle finanze troppo spendaccioni non dovrebbero più avere accesso al rubinetto monetario delle banche centrali.

Per questo motivo anche la BNS ha ottenuto un'indipendenza totale. Non può accettare direttive da parte del Consiglio federale o del Parlamento. La banca centrale può decidere autonomamente come intende impostare la propria politica monetaria.

Questa indipendenza è stata importante quando, nell'estate del 2012, ha dovuto spendere oltre 150 miliardi di franchi per difendere una soglia minima di cambio tra il franco e l'euro. Ha inoltre permesso alla BNS di sopprimere inaspettatamente il tasso di cambio minimo nel gennaio 2015. La BNS ha potuto prendere queste decisioni impopolari solo perché operava al di fuori della sfera d'influenza politica.

La BNS non è al di sopra della legge

Nelle sue decisioni la Banca nazionale persegue l'obiettivo della stabilità dei prezzi. Se altri obiettivi – politici, economici o sociali – entrano in conflitto, non vi è più alcuna garanzia che la BNS possa adempiere al suo mandato.

L'indipendenza della BNS è quindi essenziale. Ma non è assoluta. Concerne esclusivamente il settore della politica monetaria. Tutto ciò che non riguarda la politica monetaria può essere regolato dal legislatore a sua discrezione. Ad esempio, il diritto del lavoro e la legge sull'uguaglianza valgono anche per la BNS.

È quindi irrilevante se la BNS dovesse attuare nuove regole sulla politica d'investimenti contro la sua volontà. La questione è piuttosto se il testo costituzionale presentato limiterebbe la politica monetaria della BNS.

È esattamente ciò contro cui Andréa M. Maechler, membro della direzione generale della Banca nazionale, ha messo in guardia in una conferenza tenuta nel 2019. Un inasprimento della politica monetaria sarebbe più difficile, se la politica d'investimento fosse regolamentata in modo più rigoroso – questo il tenore del suo discorso. Se un giorno l'inflazione minaccia di superare l'obiettivo, la banca centrale deve essere in grado di eseguire rapidamente i propri investimenti. Ma questo non sarebbe possibile se ci fossero troppe restrizioni alla politica d'investimento.

Una riduzione del bilancio non è un'opzione

Un esempio che illustra questo punto di vista: se il legislatore dovesse obbligare la BNS a investire tutte le sue riserve monetarie in Facebook, una vendita improvvisa di questi titoli avrebbe conseguenze problematiche. La BNS farebbe crollare il prezzo delle azioni di Facebook, mentre tutti gli altri valori delle azioni non ne risentirebbero.

La BNS teme la creazione di vincitori e vinti in borsa come il “diavolo teme l'acqua santa”. Vuole rendere le sue operazioni il più possibile "neutrali rispetto al mercato". Se il suo bilancio viene ridotto, l'intero mercato finanziario dovrebbe risentirne – e non i prezzi di singole azioni o categorie di investimento.

Ma l'argomentazione di Maechler è la prova di una comprensione obsoleta della politica monetaria. La Banca nazionale svizzera non venderà i suoi investimenti se un giorno l'inflazione dovesse aumentare. Può utilizzare altri strumenti per evitare l'aumento dei prezzi di beni e servizi. Lo ha dimostrato già nel 2010, quando la Banca nazionale temeva che l'inflazione potesse aumentare fortemente a causa dei suoi acquisti di valuta.

Ma per evitare che ciò accadesse, la BNS non ha venduto i suoi investimenti. Ha emesso i cosiddetti SNB Bills. Questo ha ridotto la massa monetaria senza dover accorciare il bilancio (per sapere esattamente come funziona questo strumento, cliccare quiLink esterno).

Anche la Federal Reserve statunitense ha inasprito la sua politica monetaria nel 2015 senza vendere investimenti. A tal fine, ha aumentato i pagamenti di interessi al sistema bancario. Ciò dimostra che la politica monetaria funziona indipendentemente dalla facilità con cui una Federal Reserve può vendere i propri investimenti.

L'indipendenza della BNS non è a rischio

La Banca Centrale Europea (BCE) sembra condividere questa opinione. La sua presidente, Christine Lagarde, si è fatta promotrice di una politica d'investimento della BCE più verde da quando è entrata in carica. Non si preoccupa delle implicazioni di politica monetaria di questo riorientamento.

Anche in Svizzera l'adozione dell'iniziativa popolare "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico" non avrebbe conseguenze di politica monetaria. In tutti i settori rilevanti, la Banca nazionale rimarrebbe indipendente e in grado di agire. Il fatto che la BNS possa o meno investire in produttori di armi è semplicemente irrilevante ai fini della politica monetaria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.