Navigation

L'Iran ha un nuovo presidente

Martedì si è svolta a Teheran la cerimonia di insediamento di Ebrahim Raisi alla presidenza iraniana con l'approvazione della Guida suprema Ali Khamenei. Eletto al primo turno lo scorso giugno nel corso di elezioni dirante le quali si è registrato un astensionismo storico, il nuovo capo di Stato ultraconservatore dovrà affrontare sfide non solo sul piano dei rapporti internazionali, ma anche sul quello interno, vista la pesante crisi economica che sta attraversando il Paese.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 agosto 2021 - 14:07
tvsvizzera.it/mrj
Contenuto esterno

Il nuovo presidente ha promesso intanto di eliminare le sanzioni "tiranniche" alle quali l'Iran è ancora soggetto: "Cercheremo di eliminare le sanzioni oppressive, ma non sottometteremo le condizioni di vita della nazione alla volontà di stranieri". I Paesi occidentali imputano a Raisi, ex giudice a capo della magistratura, violazioni dei diritti umani ed esecuzioni extra giudiziali.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.