Navigation

L'86% dei portoghesi è vaccinato: "Un esempio per la Svizzera"

Portugal pretende vacinar adolescentes contra a covid-19 afp_tickers

Il Portogallo è il Paese europeo con il tasso di vaccinati più alto, l'86%. Un esempio virtuoso al quale ieri, in conferenza stampa, ha fatto riferimento anche Alain Berset, cercando di spronare la popolazione a farsi vaccinare per poter avere meno restrizioni nella vita quotidiana. Ma qual è la ricetta portoghese?

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 ottobre 2021 - 16:32
tvsvizzera.it/MaMi

"La nostra percentuale di vaccinati è del 15-20% inferiore a quella degli altri paesi europei, guardate il Portogallo, il Covid pass non esiste più, tutto è finito", ha detto ieri in conferenza stampa il consigliere federale Alain Berset.

Anche se non si può dire che sia proprio "tutto finito", in Portogallo la pandemia è a un passo dall'essere superata. Dei suoi 10 milioni di abitanti, l'86% è completamente vaccinato. Un dato che lo porta ad essere il Paese con il tasso di vaccinati più alto d'Europa. Se poi si considera solo la popolazione vaccinabile, gli over 12, la percentuale raggiunge addirittura il 98%. Eppure, nel mese di gennaio, il Paese era nel caos, con le terapie intensive piene e picchi di 2'000 decessi a settimana. Poi, con il Governo che affida la nave nelle mani dell'ammiraglio Henrique de Gouveia e Melo, avviene la svolta.

Uniforme militare e una serietà che trasmettono ai portoghesi autorevolezza, credibilità e disciplina. L'uomo giusto per la missione, senza legami con la politica. Forma una squadra di esperti, composta prevalentemente da medici, matematici e militari. Si fa aiutare dall'esercito e dal sanitari per convincere la popolazione a vaccinarsi e, in pochi mesi, ribalta la situazione. Dal 1. ottobre cadono quasi tutte le restrizioni, la movida è tornata a riempire i bar e le strade. Le nuove infezioni si aggirano sulle 650 al giorno.

Oggi in Portogallo la mascherina è obbligatoria solo sui mezzi pubblici, nei centri commerciali e in determinate occasioni. Nei ristoranti si accede liberamente senza l'obbligo di presentare un Covid pass. Certificato che rimane obbligatorio per bar e discoteche. Un risultato al quale ambiscono molti Paesi che cercano di imitarne la ricetta. Intanto in Portogallo ci si sta già organizzando per somministrare la terza dose.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.