Navigation

Charlie Chaplin sul «tetto d’Europa»

Keystone/Peter Schneider

Il Palazzo di ghiaccio sullo Jungfraujoch ha un nuovo ospite: Charlie Chaplin. Scolpita nel ghiaccio dallo scultore britannico John Doubleday, la statua ricorda i 40 anni dalla scomparsa del genio del cinema.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 dicembre 2017 - 16:00
swissinfo.ch/mg

Il giorno di Natale del 1977 moriva a Corsier-sur-Vevey, nel canton Vaud, il celebre comico, regista, sceneggiatore e musicista Charlie Chaplin. Considerato il più grande genio del cinema, trascorse gli ultimi 25 anni della sua vita nella casa che aveva acquistato nei pressi di Montreux.

A 40 anni dalla sua scomparsa, lo scultore britannico John Doubleday - già autore della statua di bronzo che si trova a Vevey - ha raffigurato nel ghiaccio una scena del famoso film "Il Monello", uscito nel 1921. 

La scultura si trova alla stazione dello Jungfraujoch, a 3'466 metri sul livello del mare. 


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.