Navigation

Isolamento diplomatico della Russia: una strategia complicata nella Ginevra internazionale

Durante la 49esima sessione del Consiglio dei diritti umani nella sede europea delle Nazioni Unite a Ginevra, il 1° marzo, l'ambasciatore dell'Ucraina e la diplomazia di un gran numero di Paesi sono usciti dalla sala all'inizio della trasmissione del video messaggio preregistrato di Sergei Lavrov, in segno di protesta contro l'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca. ©Keystone / Salvatore Di Nolfi

A Ginevra, la guerra in Ucraina ha spinto l'Occidente a escludere la Russia da alcuni forum internazionali. I diplomatici sperano di inviare un messaggio forte di condanna dell'invasione russa dell'Ucraina, ma alcuni temono che la strategia possa avere un risvolto negativo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 marzo 2022 - 11:55

Nell'ultimo mese, l'atmosfera normalmente calma nella cosiddetta Ginevra internazionale è stata drasticamente trasformata dalla rabbia verso la Russia. Per tutte le 38 organizzazioni internazionali a Ginevra l'invasione dell’Ucraina da parte della Russia è una delle principali preoccupazioni. Mentre la guerra si trascina, la Russia è sempre più isolata in molte occasioni. Il Paese è stato escluso dai colloqui dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) e ha perso il suo status di osservatore all'Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN). Più recentemente, l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) ha deciso di sospendere la sua cooperazione con la Russia fino a un cessate il fuoco.  

"L'isolamento si intensifica. È ora di porre fine a questa aggressione barbara, che va contro tutti i valori dell'OIL", ha detto all'agenzia di stampa AFP l'ambasciatore britannico alle Nazioni Unite a Ginevra Simon Manley.  

Un diplomatico europeo della missione UE presso le Nazioni Unite a Ginevra ha confermato a SWI swissinfo.ch il rifiuto di avere incontri bilaterali con le controparti russe.  

Ciò solleva la questione della futura collaborazione con la Russia nella Ginevra internazionale. La Russia è un membro permanente del Consiglio di sicurezza dell'ONU e un attore potente nella maggior parte delle organizzazioni internazionali. Se i negoziati multilaterali continuano a essere polarizzati, c'è il rischio che i colloqui in corso si blocchino e gli accordi vadano in frantumi.

Un tranquillo boicottaggio diplomatico

Il Consiglio dei Diritti Umani è uno degli organi dell'ONU in cui la presenza della Russia, come membro eletto, è considerata problematica. Diversi stati membri dell'ONU, insieme a 30 ONG, chiedono l'estromissione della Russia dal consiglio.  

"Ovviamente, si è parlato molto dell'esclusione della Russia dal Consiglio dei Diritti Umani dell'ONU... c'è stato un discreto sostegno da parte del Regno Unito e di alcuni Paesi dell'UE, e c'è una grande spinta da parte delle ONG per la sua sospensione come membro. Avere un membro nel Consiglio dei Diritti Umani che sta commettendo gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani è uno scherzo che mina enormemente la credibilità del consiglio", dice Marc Limon, direttore del think tank indipendente sui diritti umani Universal Rights Group.  

Limon aggiunge che la sospensione della Russia dal Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU avrebbe un impatto positivo perché dimostrerebbe che il consiglio difende i propri principi. “Onestamente, penso che sia l'unica cosa di cui la Russia prenderà atto", sostiene Limon.

Tuttavia, condannare l'invasione della Russia e sospendere l'adesione della Russia non sono la stessa cosa. Sospendere la Russia dal consiglio richiede un voto di maggioranza dei due terzi dell'Assemblea Generale dell'ONU. Nonostante sia possibile raggiungere tale maggioranza, non è probabile che accada per il momento, secondo fonti diplomatiche. 

"Non direi che siamo isolati", ha detto l'ambasciatore russo all'ONU a Ginevra, Gennady Gatilov, durante una conferenza stampa. "Siamo qui con un certo numero di Paesi che sostengono la nostra posizione. Permettetemi di menzionare la Cina, l'India tra gli altri". Solo la Russia e l'Eritrea hanno votato contro la commissione d'inchiesta sulla situazione dei diritti umani in Ucraina. Cina e India, due dei maggiori alleati della Russia, si sono astenuti.  

Gatilov sostiene che molti Paesi avevano subito pressioni da parte degli Stati Uniti e dai loro alleati per sostenere l'Ucraina.  

"Ma questo non significa che questi Paesi siano completamente d'accordo con le politiche degli Stati Uniti e dei loro alleati", ha aggiunto il diplomatico russo.  

Contenuto esterno

Malcontento crescente 

L'invasione della Russia in Ucraina ha anche provocato reazioni presso l’Organizzazione Mondiale del Commercio. In tutto, 14 delegazioni, tra cui l'Unione Europea, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e il Giappone, hanno rilasciato una dichiarazioneLink esterno il 15 marzo, condannando l'aggressione militare della Russia in Ucraina e descrivendola come una "egregia violazione del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite". Ciò ha portato alla sospensione dello status di nazione più favorita (MFN) per la Russia e alla sospensione dell’ingresso della Bielorussia nell’OMC. La MFN è un principio del sistema commerciale multilaterale che assicura un commercio equo per tutti i membri.

Il giorno dopo, la Russia ha reagito. "Siamo profondamente disturbati dagli sviluppi attuali nell’OMC, che aprono la strada a un completo smantellamento del sistema commerciale multilaterale e delle sue regole”, si legge in un comunicatoLink esterno ufficiale.  

Il blocco diplomatico sta andando oltre il livello formale. La Russia è stata anche espulsa dalla partecipazione al gruppo di coordinamento dei Paesi sviluppati dell'OMC. L'UE e gli USA sostengono che i valori fondamentali dell'OMC sono più importanti, e quindi non includeranno più la Russia in questo gruppo informale.

"L'espulsione della Russia da quel gruppo non è ovviamente di natura simbolica. Ma in termini pratici non c'è un impatto diretto sul commercio. Non stiamo parlando di tariffe. Questa è più una questione interna all'OMC", sostiene il portavoce della missione dell'UE presso l'OMC.

Gruppo di coordinamento dei Paesi sviluppati

Sono quattro i gruppi regionali in seno all’OMC: Gruppo Africa, Gruppo America Latina e Caraibi, Gruppo Asia in via di sviluppo e Paesi sviluppati. Il gruppo dei Paesi sviluppati coordina le nomine della presidenza del consiglio e dei comitati, incluse quelle annuali dei Paesi sviluppati e in via di sviluppo. Coloro che rappresentano il gruppo partecipano alle riunioni della "Green Room", dove un numero limitato di stati si scambiano opinioni per facilitare il consenso prima di raggiungere un accordo. 

Il gruppo di coordinamento è composto da 11 delegazioni, compresa la Svizzera, ma non comprende la Cina. I membri sono Australia, Canada, UE, Islanda, Giappone, Liechtenstein, Nuova Zelanda, Norvegia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. La Russia era un membro associato. 

End of insertion

Indebolimento del multilateralismo 

C’è chi ritiene che isolare la Russia possa indebolire l'ONU e altre organizzazioni multilaterali.

"Mettere la guerra in Ucraina in una prospettiva globale non serve affatto gli interessi dell'Occidente", dice André Liebich, un esperto di guerra fredda ed ex professore di storia e politica internazionale al Geneva Graduate Institute. Egli ritiene che cercare di espellere la Russia dalla Ginevra internazionale non porterebbe alcun beneficio a lungo termine all'Occidente, poiché la Russia è un attore globale.

Isolare la Russia non farà che ostacolare il lavoro delle organizzazioni internazionali, spiega l’esperto, e indebolire il multilateralismo. In questo contesto, "l’uscita dei membri delle Nazioni Unite durante il discorso di Lavrov è stato l'approccio sbagliato", dice, citando il boicottaggio messo in atto il primo marzo durante il discorso del ministro degli esteri russo Sergey Lavrov al Consiglio dei diritti umani.

Anche altre organizzazioni internazionali a Ginevra stanno compiendo atti di condanna dell’invasione militare della Russia in Ucraina. Durante la riunione della Convenzione sulla diversità biologica a Ginevra, i rappresentanti di Ucraina e Russia hanno avuto un alterco sulla guerra in Ucraina. Diversi Paesi occidentali hanno condannato l'aggressione della Russia nei loro discorsi di apertura in molte altre occasioni.

L'8 marzo, il Consiglio del CERN, composto da 23 stati membri, ha sospeso lo status di osservatore della Russia e non intraprenderà nuove collaborazioni con il Paese.  

Cos'è lo status di osservatore?

Gli Stati membri, come Francia, Germania, Italia, Svizzera e Regno Unito, contribuiscono al capitale e ai costi operativi dei programmi del CERN, e sono rappresentati nel consiglio, responsabile di tutte le decisioni importanti dell'organizzazione e delle sue attività. Gli Stati osservatori, che includono UE, USA e Giappone, e prima dell'8 marzo la Russia, possono partecipare alle sessioni aperte del consiglio, ma non hanno diritto di voto. Gli stati membri associati come India, Pakistan, Ucraina partecipano alle riunioni del Consiglio del CERN, del Comitato finanziario e del Comitato di politica scientifica. I loro cittadini hanno diritto a contratti a breve termine al CERN e la loro settore industriale può concorrere per i contratti del CERN. 

End of insertion

Le operazioni del CERN potrebbero essere influenzate di conseguenza. Attualmente, la più grande comunità scientifica che partecipa ai progetti del CERNLink esterno, compreso il più potente acceleratore di particelle del mondo, il Large Hadron Collider (LHC), è di nazionalità russa.

Le misure sono state inasprite e i progetti del CERN potrebbero essere ritardati. Il 25 marzo, la partecipazione di scienziate e scienziati a progetti ed eventi congiunti con la Russia e la Bielorussia è stata sospesa o cancellata. Finora, oltre 1’100 ricercatrici e ricercatori di 27 istituzioni accademiche e scientifiche russe partecipavano ai programmi del CERN.

"Stiamo ancora valutando gli effetti [di questa misura] e cercheremo di ridurre al minimo l'impatto sui nostri ricercatori e sulla scienza", ha detto un portavoce del CERN a SWI swissinfo.ch.

Ripetere o scrivere la storia?

Anche se è troppo presto per valutare le conseguenze della guerra sulle istituzioni dell'ONU, le tensioni ricordano quelle prima della Seconda guerra mondiale. Negli anni '30, dopo l'invasione della Manciuria da parte del Giappone e l'invasione della Finlandia da parte dell'Unione Sovietica, alcuni stati membri isolati - in particolare quelli con governi fascisti, come Italia e Germania - si ritirarono o furono espulsi dalla Società delle Nazioni di Ginevra, il predecessore dell'ONU.

Il 14 dicembre 1939, la Società delle Nazioni espulse l'Unione Sovietica in risposta all'invasione sovietica della Finlandia il 30 novembre. ©United Nations Archives at Geneva

Essendo il Consiglio di sicurezza dell'ONU incapace di fermare la guerra in Ucraina o anche di imporre un cessate il fuoco, a causa del veto della Russia, sembra che l'ONU stia fallendo nel suo scopo di mantenere la pace internazionale. L'Occidente ha imposto severe sanzioni economiche contro la Russia, ma finora non stanno fermando la guerra. Il clima politico globale è teso come lo era quasi un secolo fa.

"Le potenze che esercitano il veto al Consiglio di sicurezza non rinunceranno a tale potere presso le Nazioni Unite. E siamo incastrati negli stessi problemi della Seconda guerra mondiale", dice l'esperto della guerra fredda Liebich.

"L'Unione Sovietica ha avuto un ruolo nelle Nazioni Unite a Ginevra, e questo ha facilitato la fine della guerra fredda. Penso che la guerra in Ucraina possa essere terminata solo dal negoziato tra Ucraina e Russia". 

Aggiornamento: L'articolo è stato pubblicato il 25 marzo alle 9:00, aggiornato il 28 marzo con una risposta del CERN.

Contenuto esterno

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?