Navigation

Ue-Giappone, è accordo di libero scambio

Contenuto esterno

Unione europea e Giappone hanno trovato "un’intesa di principio sull’accordo di libero scambio e sull’accordo di partnership a livello politico". È quanto hanno annunciato giovedì il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, quello della Commissione Jean-Claude Juncker e il premier giapponese Shinzo Abe. L’intesa commerciale è “la più importante mai conclusa dall’Ue”.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 luglio 2017 - 21:15
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 06.07.2017)

In una dichiarazione congiunta, i tre osservano come i principi convenuti oggi definiranno “la strada per nuovi accordi”.

Per la parte economica, prevede un accordo di libero scambio che potrebbe far aumentare il valore delle esportazioni europee di 20 miliardi e per quella politica il partenariato su grandi temi quali clima, terrorismo, sicurezza, energia, migranti.

Non solo commercio

"Ci aspettiamo che entri in vigore a inizio 2019", ha affermato Juncker, spiegando che "serve ancora un po' di tempo" per concludere i lavori tecnici necessari "ma non prevedo per questo alcuna difficoltà".

Oltre ad essere per l’Ue la più importante dopo quella sfumata con gli USA, l’intesa include per la prima volta un impegno sulla lotta al cambiamento climatico con il rispetto di quanto deciso a Parigi.

Pochi dazi e accesso agli appalti

L’accordo prevede la rimozione di quasi tutti i dazi doganali, con risparmi di 1 miliardi di euro l’anno. Consentirà, tra l’altro, l’apertura del mercato giapponese ai prodotti agroalimentari dell’Ue, riconoscendone anche 205 indicazioni d’origine.

Le imprese europee avranno inoltre accesso al mercato dei servizi, dei trasporti e delle telecomunicazioni, nonché agli appalti pubblici di 48 principali città giapponesi. Saranno inoltre rafforzati gli standard per la protezione dei dati personali.

Partnership nella sicurezza

Quanto alla partnership strategica, ha spiegato l’Alta rappresentante Ue per gli affari esteri e la politica di sicurezza Federica Mogherini, sarà rafforzato il lavoro comune su aree quali la cybersicurezza e la gestione dei disastri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.