Navigation

Sarno, Il fiume che fu dio e che oggi muore

È lungo solo 24 chilometri, ma il suo bacino raggiunge i 500 chilometri quadrati. È inquinato da umani e aziende ed è un malato grave.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 febbraio 2021 - 19:30
Mario Messina, RSI News
Contenuto esterno

L'acqua del fiume è già inquinata e pochi metri da una delle sorgenti del SarnoLink esterno, nel bacino fluviale che abbraccia le province di Napoli, Salerno e Avellino. “A occhio nudo non si vede – spiega Antonio Giannattasio, volontario di LegambienteLink esterno –, ma qui non esiste un sistema fognario quindi tutto ciò che esce dagli scarichi delle case nei dintorni entra nel fiume”. I piccoli pezzi di carta igienica incastrati tra le alghe sul letto del fiume ne sono la prova. 

Pochi chilometri più avanti, a Castellammare di StabiaLink esterno, l’inquinamento è ben visibile. Il colore e l’odore dell’acqua non lasciano spazio a dubbi: il fiume Sarno è davvero il corso d’acqua più inquinato d’Europa. Nelle sue acque arrivano i liquami di tutte le abitazioni dei comuni che attraversa (un vero sistema fognario non è mai stato costruito) e gli scarti delle aziende tessili e agricole che non si sono mai dotate di sistemi di depurazione e filtraggio.

L’acqua così contaminata va a finire nel Mar Tirreno che riporta a riva i rifiuti solidi. Ma le associazioni del territorio non si arrendono e continuano a lottare per ripulire il fiume.


tvsvizzera.it/con RSI

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.