Navigation

India: 45mila contagi da 'fungo nero', 4'200 decessi

La mucormycosis ha conseguenze devastanti su chi ne viene toccato, richiede interventi chirurgici invasivi per salvare occhi, naso e bocca, e ha un tasso di mortalità pari al 50% (foto d'archivio) KEYSTONE/EPA/RAJAT GUPTA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2021 - 18:56
(Keystone-SDA)

Sono saliti a 45mila i casi di "fungo nero" in India: lo ha comunicato oggi al parlamento il Ministero alla Salute, aggiungendo che negli ultimi due mesi 4'200 persone sono morte per l'infezione.

La mucormycosis, questo il nome scientifico del virus, era decisamente rara sino all'inizio di quest'anno, con non più di 20 casi in media; ma da qualche mese il devastante fungo ha cominciato ad aggredire ex pazienti Covid-19, indeboliti dall'uso degli steroidi.

Il virus ha conseguenze devastanti su chi ne viene toccato, richiede interventi chirurgici invasivi per salvare occhi, naso e bocca, e ha un tasso di mortalità pari al 50%.

In maggio il governo ha dichiarato il "fungo nero" un'epidemia, condizione che impone agli stati locali di registrare ogni caso. Lo stato indiano più colpito è il Maharashtra, che da solo ha contato oltre 9'300 persone infette. Secondo il quotidiano The Hindustan Times, il fungo ha recentemente infierito anche su bambini, in particolare nello stato del Rajastan.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.