Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Indagine europea Lavoratori svizzeri in salute e meno stressati

(2)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le condizioni di lavoro in Svizzera continuano a essere tutto sommato buone. Secondo uno studio presentato dalla SECO, 9 dipendenti su 10 sono soddisfatti, sebbene gli standard si siano ridotti in dieci anni. I dati sono in parte contestati dai sindacati.

La Segreteria di Stato dell’economia (SECOLink esterno) ha presentato lunedì i risultatiLink esterno della sesta indagine europea sulle condizioni del lavoro e i rischi potenziali per la salute, condotta in 35 paesi.

L'89% degli intervistati in Svizzera sostiene di essere in buona salute: un risultato che posiziona il paese al di sopra della media europea.

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mal di schiena, di testa e al collo

Ai primi posti, tra i problemi che affliggono la forza lavoro elvetica, figurano il mal di schiena – che ha colpito il 36% dei lavoratori rimasti a casa - il mal di testa e i dolori muscolari e al collo.

Il sondaggio ha preso in esame le risposte di 1000 lavoratori dipendenti nella Confederazione, che vi partecipa per la seconda volta. Lo studio, che a livello europeo è stato condotto su 43'000 da EurofondLink esterno, ha lo scopo di fotografare le condizioni di lavoro e segnalare i margini di miglioramento.

Viene sottolineato ad esempio che sempre più persone soffrono di dolori alle mani e ai polsi e questo per delle posizioni del corpo errate e che si potrebbero facilmente correggere. Rispetto al 2005 è pure aumentata la quota dei lavoratori che affermano di dover effettuare movimenti ripetitivi, una situazione invece rimasta stabile in Europa.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È rientrato nella media europea, invece, lo stress sul posto di lavoro, uno dei fattori che incidono di più sulla qualità della vita dei dipendenti.

Lavoratori sotto pressione

Reagendo allo studio, i sindacati fanno notare che i risultati evidenziano quanto denunciano da anni: i dipendenti sono sotto pressione, rilevano in note distinte l’Unione sindacale svizzera (USS), Unia e Travail.Suisse, puntando il dito contro la flessibilità ad ogni costo e gli orari imposti dall'alto.

I lavoratori sono sempre più in balia di interessi economici a breve termine, denuncia l'USS che, come gli altri sindacati constata come fra il 2005 e il 2015 sia nettamente calata la quota di lavoratori che possono decidere i propri orari di lavoro, mentre sono cresciute le esigenze di flessibilità da parte del padronato.

È una tendenza pericolosa, continua l'USS, poiché solo il 45,2% delle aziende in Svizzera valuta regolarmente i rischi dello stress sul lavoro, mentre altrove (Regno Unito, Danimarca) questo tasso è del 90%.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG 12.30 del 22.05.2017)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×