Navigation

Dramma nel Mediterraneo: la testimonianza di uno dei superstiti

"Spero che il governo italiano possa aiutarmi a rifarmi una vita". A parlare è un ragazzo di 17 anni, fuggito dal Bangladesh e tra i 28 sopravvissuti al più grave naufragio del Mediterraneo. La Radiotelevisione svizzera (RSI) lo ha incontrato in un centro per minorenni alla periferia di Catania. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 aprile 2015 - 11:08
tvsvizzera.it e swissinfo

Secondo le testimonianze degli stessi migranti, l'imbarcazione partita sabato mattina da Tripoli aveva a  bordo 850 persone circa, tra cui molti bambini. I corpi ripescati sono 24, i superstiti 28. Cifre che portano a 1'800 il numero di persone che ha perso la vita dall’inizio del 2015 cercando di attraversare il Mediterraneo per raggiungere l'Europa. 

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?