Navigation

Il programma spaziale svizzero punta su Marte

L'universo è il limite... Keystone

La Svizzera vuole un ruolo di primo piano nei programmi spaziali più importanti. Lo dice l'Ufficio spaziale svizzero (SSO) agli interlocutori europei.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 dicembre 2005 - 17:20

Lunedì a Berlino, durante la conferenza ministeriale dell'Agenzia spaziale europea (ESA), lo SSO ha offerto da 116 a 139 milioni di franchi per le missioni del futuro. Nel mirino pure Marte.

La Svizzera vorrebbe essere integrata nel sistema satellitare di sorveglianza mondiale per l'ambiente e la sicurezza (GMES) e nei programmi tecnologici per il lancio di satelliti per le telecomunicazioni commerciali.

Il direttore dello SSO Marc Bertschi, membro della delegazione svizzera a Berlino, ha detto a swissinfo che la Svizzera modificherà la propria strategia spaziale per concentrarsi su progetti specifici invece di disperdere troppo le energie.

"Cercheremo di dedicarci ad alcune attività prioritarie per permettere ai nostri scienziati e all'industria di disporre di una piattaforma di ottimo livello. Non disponiamo di altre risorse per sostenere lo sviluppo delle nostre capacità".

Libertà finanziaria

La Svizzera intende investire circa 560 milioni di franchi nei prossimi quattro anni. In passato, lo SSO si limitava a gestire fondi destinati a progetti individuali.

Le autorità federali hanno recentemente allentato questi limiti finanziari per permettere all'organizzazione di destinare più fondi dove essa ritenga necessario.

Per fare in modo che la Svizzera riesca a guadagnare influenza, la delegazione elvetica, guidata dal segretario di Stato per l'educazione e la ricerca Charles Kleiber, vorrebbe finanziare maggiormente progetti quali il GMES, la missione su Marte o i programmi a lungo termine riguardanti i satelliti commerciali.

La Svizzera è già destinata ad occuparsi dei sensori che dovranno cercare segni di vita sul pianeta rosso nell'ambito della missione su Marte. Ma lo SSO auspica una maggiore integrazione in tutti i tre progetti chiave.

Ciò ridurrà i fondi a disposizione per altre missioni. Ma per il momento tutto dipende dai negoziati di Berlino.

"Per quel che riguarda programmi molto attrattivi, dovremo discutere ed accordarci con i nostri partner", rileva Bertschi.

"È possibile che alcune missioni riceveranno più fondi del necessario, ciò che ridurrebbe la nostra partecipazione. Pensiamo che ciò accadrà nell'ambito della missione su Marte", conclude il direttore dello SSO.

swissinfo, Matthew Allen
(traduzione: swissinfo, Marzio Pescia)

In breve

Nel prossimo quadriennio, il budget spaziale della Svizzera sarà di 140 milioni di franchi all'anno.

I maggiori successi spaziali svizzeri includono la tecnologia per la sonda Rosetta, la produzione di orologi atomici per la navigazione dei satelliti e la partecipazione al lancio, avvenuto in novembre, della sonda Venus Express.

La conferenza ministeriale dell'ESA si svolge a Berlino dal 5 al 6 dicembre.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?