Navigation

Il direttore del Bild al centro di uno scandalo

Contenuto esterno

Per anni è stato fra i giornalisti più influenti in Europa. Ora, accusato di abusi sulle dipendenti in cambio di promozioni, Julian Reichelt è costretto alle dimissioni. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 ottobre 2021 - 23:08

La vicenda ricalca il più classico dei cliché: un uomo ai comandi che abusa del proprio potere fino a condizionare i destini professionali dei propri sottoposti. Nella fattispecie, l'uomo è Julian Reichelt, 41 anni e da quattro direttore del giornale (o meglio, tabloid) più diffuso di tutta la Germania: quella Bild dai titoli urlati e dai contenuti che debordano spesso nello scandalistico. Contro Reichelt (finora considerato quasi un intoccabile nel mondo dei mass media tedeschi) accuse pesanti: sessismo e mobbing, accuse emerse dalle inchieste di due altri giornali, lo Spiegel tedesco (che già qualche mese fa aveva sollevato il problema) e il New York Times.

Numerose le testimonianze che inchioderebbero Reichelt e il suo sistema: sesso in cambio di promozioni. Reichelt non sarebbe accusato di aggressioni, ma di avere premiato (con promozioni e percorsi di carriera facilitati) le dipendenti che accettavano le sue avances. La logica del ricatto, insomma, che oggi più che mai, sulla scia del movimento Me too, risulta del tutto inaccettabile e stupisce possa ancora sussistere.

Come stupisce il comunicato diramato dalla Bild in occasione del siluramento del suo direttore: "Juian Reichelt non è stato capace di separare ambito privato e professionale". Parole neutre e po' troppo sibilline. A pompare la bufera mediatica questa volta ci hanno pensato gli altri giornali. 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.