Navigation

La Brexit costa miliardi alla Banca nazionale svizzera

Per frenare il repentino rafforzamento del franco in seguito al risultato del votazione in Gran Bretagna, la banca centrale elvetica è dovuta intervenire in modo massiccio sul mercato dei cambi, stando a quanto si desume dalle statistiche pubblicate lunedì.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 luglio 2016 - 08:17
swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG 4.7.2016)

Nell’ultima settimana, gli averi in conto giro delle banche sono cresciuti di 6,8 miliardi di franchi a 430,3 miliardi, mentre gli averi a vista (ovvero incluse Confederazione e istituzioni estere) sono aumentati di 6,3 miliardi a 507,5 miliardi.

Il dato è collegato all'acquisto di valuta estera poiché, per indebolire il franco rispetto alla moneta unica europea, la BNS acquista euro e accredita alle banche il rispettivo importo in franchi.

Subito dopo il "sì" all'uscita del Regno Unito dall'Unione europea (Ue) il franco aveva iniziato a guadagnare notevolmente di valore. La BNS non è però rimasta a lungo a guardare ed è intervenuta per calmare la situazione.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?