Navigation

Finanza, Pechino in soccorso di Evergrande

Keystone / Roman Pilipey

La Banca centrale cinese ha iniettato 120 miliardi di yuan (18,6 miliardi di dollari) nel sistema bancario attraverso accordi di 'reverse repo', superando i 30 miliardi di yuan di scadenze odierne, nel mezzo della crisi finanziaria di Evergrande, il secondo sviluppatore immobiliare del Paese oberato da 305 miliardi di debito. L'istituto centrale aveva effettuato iniezioni a breve per 100 miliardi di yuan sia venerdì sia sabato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 settembre 2021 - 13:22
Contenuto esterno


 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.