Tradizione e modernità Il centro taoista più grande d'Europa è nel canton Vaud

Situato in una località remota tra le colline del Giura vodese, Ming Shang è il più grande centro d'Europa dedicato al taoismo. Finanziato anche dal cantone Vaud e dalla Confederazione, è in partenariato con il politecnico di Losanna (Epfl). L'ha visitato la Radiotelevisione svizzera.

Vista del cortile

L'edificio è stato costruito seguendo i principi del Feng shui.

Keystone / Jean-christophe Bott


L'idea di creare un luogo simile risale al 2011. "Volevamo costruirlo per sopperire a una lacuna. Nessun altro luogo in Europa riuniva in un solo luogo le differenti arti taosite", spiega all'agenzia ats il fondatore del centro Fabrice Jordan.

Aperto di recente nel Giura vodese, nella località di Bullet, il centro è valutato a 5 milioni di franchi ed è stato finanziato al 40% dal cantone e dalla Confederazione. L'inaugurazione ufficiale è prevista nel corso del 2020.

Vi sono impiegate 12 persone e spera attirare 5'000 visitatori annualmente. 

Partenariato con l'Epfl

Chiamato Ming Shang (montagna della chiarezza), il centro aspira ad essere un ponte tra la tradizione orientale e modernità occidentale. Numerose attività nell'ambito della salute, la prevenzione, lo sviluppo spirituale e la filosofia saranno organizzate nell'arco dell'anno. 

Associato al centro di ricerca Epfl + Ecal LabLink esterno, nel centro Ming Shang verranno anche studiati i legami tra la meditazione e le scienze cognitive. 

Visitiamo il centro nel reportage della Radiotelevisione svizzera


Parole chiave