giustizia Espulso il 58% dei criminali stranieri, "Volontà popolare violata"

Detenuto con le manette
© Keystone / Urs Flueeler

Solo il 58% degli stranieri che commettono reati gravi viene espulso nonostante l'iniziativaLink esterno votata dal popolo nel novembre 2010 preveda espressamente il loro allontanamento, ha lamentato mercoledì l'Unione democratica di centro (destra nazionalista).

L'applicazione concreta del disposto costituzionale, è stato sottolineato, viola la volontà popolare e per questo motivo vengono criticati magistratura e governo federale cui vengono chiesti celeri correttivi. 

Il servizio del TG:

In proposito l'ex presidente del Partito liberale radicale (centrodestra) Philipp Müller, che ha affermato in un'intervista pubblicata sul quotidiano BlickLink esterno che "i giudici stanno prendendo in giro il popolo", aveva già presentato alla Camera alta (Consiglio degli Stati) una mozione per rendere effettiva l'espulsione dei criminali stranieri.

Si tratta fondamentalmente di una questione tecnico-giuridica: nella pratica succede infatti spesso che la Procura pubblica invochi motivi particolari, essenzialmente di natura personale (i cosiddetti casi di rigore per i quali vale la clausola d'urgenza) per emettere un decreto d'accusa (una proposta di pena che se accettata dall'imputato equivale a una sentenza senza l'intervento del giudice) che di per sé impedisce l'espulsione del condannato di un altro paese.

Situazione che, alla luce dei dati diffusi per la prima volta dalle autorità federali, si verifica in oltre il 40% dei procedimenti, una quota elevata che non può essere riconducibile ai casi di rigore (eccezioni) riconosciuti dalle norme introdotte dal legislatore.

Per questo motivo l'autore della mozione adottata dalle Camere l'anno scorso e soprattutto il gruppo Udc sollecitano che gli imputati stranieri vengano sempre giudicati da una corte penale (e non attraverso un decreto d'accusa), cui spetterà in seguito l'esame dell'eventuale espulsione, abolendo così la clausola d'urgenza.

Su questo tema il Dipartimento federale di giustizia e polizia diretto dalla consigliera federale Karin Keller-Sutter aveva sostenuto che sarebbe intervenuto nel caso in cui risultasse evidente che la volontà del legislatore non venga rispettata.


Parole chiave