Navigation

«Non mi lascio strumentalizzare»

Circa 500 osservatori elettorali dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa accompagnano questo fine settimana le elezioni presidenziali russe. Tra di essi anche la deputata socialista svizzera Margret Kiener Nellen. Prima di partire per Mosca, ha raccontato a swissinfo.ch la sua visione sulla missione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 marzo 2018 - 11:00

Margret Kiener Nellen è membro della delegazione svizzera di osservatori elettorali dal 2013. Seguirà le elezioni presidenziali russe dalla città meridionale di Volgograd, dove visiterà una quindicina di seggi elettorali.

Se la rielezione di Vladimir Putin è data per scontata – aggiunge la deputata socialista - è comunque importante monitorare il processo elettorale. Inoltre, aggiunge, se si sentisse strumentalizzata dal Presidente russo che vuole dare l’impressione che tutto procede in modo democratico, non si recherebbe nemmeno in Russia come osservatrice dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE).

In febbraio sono già stati inviati in Russia 60 osservatori. Questi ultimi sono responsabili non solo dello svolgimento della giornata elettorale ma anche di tutta la campagna elettorale e della sua copertura mediatica. L'OSCE osserva le elezioni in Russia dal 1996.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.