Il 1968 in Svizzera

Il Sessantotto non rappresenta soltanto le proteste nelle strade di Parigi o i movimenti per i diritti civili negli Stati Uniti. E il 1968 non è soltanto il 1968. Tutti gli anni ’60 sono stati segnati da rivolte contro il "sistema", dalla nuova sinistra alla musica pop, dai non conformisti ai pacifisti, nel mondo come in Svizzera. In questo dossier speciale, ripercorriamo i momenti salienti di un’epoca movimentata e ci interroghiamo sull'eredità dei "sessantottini".

Contenuto sull’argomento

Tempi che cambiano Le chiese e il Sessantotto

Le richieste di cambiamento manifestatesi con forza alla fine degli anni '60 hanno avuto un grande influsso anche sulle chiese. A partire ...

La biografia di un sessantottino "Moderato, ma con gli stessi ideali"

Alcuni sessantottini hanno fatto carriera nella politica o nell'economia. Uno di loro è Andrea Hämmerle, ex consigliere nazionale. I suoi ricordi.

Prima del ’68 - la nuova sinistra Minigonne rivoluzionarie: la nuova sinistra

La nuova sinistra è stata un motore del cambiamento. La sua idea: a fare la rivoluzione devono essere i giovani, non più i lavoratori.

Prima del ’68 - Nuova voglia di consumo L'emancipazione dei desideri

Alla fine degli anni '60 l’economia scopre nei giovani e nelle donne dei nuovi e ambiti consumatori. Il desiderio diventa una componente ...

Prima del ‘68 - giovani e musica Abbasso le sedie

Negli anni '60, alcuni osservatori diagnosticano «un’eccessiva tensione elettrica dei plessi nervosi» nei giovani. La gioventù voleva però solo ...

Ulteriore contenuto sull’argomento

Il contenuto seguente elenca ulteriori informazioni sull’argomento

Il '68 in Svizzera

Cinquant'anni fa arrivava l'ondata rivoluzionaria del Sessantotto, anche in Svizzera.