Navigation

Ingegneria genetica: in 10 anni, i cantoni hanno cambiato poco

Oltre il 60% dei cittadini svizzeri ha votato questa domenica a favore di un nuovo articolo costituzionale che apre la strada alle diagnosi genetiche preimpianto (PGD). L'analisi di dettaglio evidenzia che i Cantoni più favorevoli a questo metodo sono quelli che avevano approvato a larga maggioranza una decina di anni fa la legge che autorizza le ricerche sulle cellule staminali provenienti da embrioni sovrannumerari. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 giugno 2015 - 15:00
swissinfo.ch

Sei Cantoni della Svizzera centrale e orientale hanno respinto il nuovo articolo costituzionale, che consente di analizzare un embrione concepito in vitro prima dell'impianto in utero, al fine di rilevare eventuali anomalie. Al contrario, tutti i Cantoni di lingua francese, a cominciare da Vaud e Ginevra, hanno ampiamente sostenuto il nuovo articolo costituzionaleLink esterno

Nel 2004, gli svizzeri avevano approvato, pure con una maggioranza di oltre il 60%, un legge che regola la questione dell’impiego di cellule staminaliLink esterno. Tutti i Cantoni, senza eccezione, si erano allora espressi a favore di questa riforma. 

Il grafico sottostante, sul quale figurano tutti i Cantoni allineati in diagonale, mostra la diversa sensibilità tra di loro, quando si tratta di decidere su temi riguardanti l'ingegneria genetica.

swissinfo.ch


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.