Navigation

Democratici e repubblicani americani per una volta uniti

Contenuto esterno
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 giugno 2021 - 21:51
tvsvizzera.it/MaMi

Non succede spesso di questi tempi a Washington che democratici e repubblicani riescano ad andare d'accordo. Ma il ritardo statunitense in molti settori tecnologici chiave è stato decisivo nel voto 68 a 32 con il quale il senato ha votato lo US Innovation and Competition Act. 

Un piano da circa 240 miliardi di dollari per colmare il gap tecnologico, rafforzare il settore della ricerca e ridurre la dipendenza statunitense dalla produzione Made in China di numerose componenti fondamentali per l'innovazione: come i seminconduttori impiegati nell'elettronica o i microchip utilizzati dall'industria automobilistica.

"Se non agiamo subito - ha affermato con toni quasi apocalittici il leader democratico al senato Chuck Schumer, uno dei promotori della legge - sarà la fine dei nostri giorni come superpotenza dominante". 

Alla maggioranza democratica al senato si sono aggiunti anche 19 senatori repubblicani, tra loro anche il leader di minoranza Mitch McConnell.

Non si è fatta attendere la reazione cinese. Il portavoce del ministero degli esteri di Pechino ha accusato Washington di trattare la Cina come un nemico immaginario.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.