Navigation

40 anni in Svizzera

Genaro Rodríguez ha lasciato la sua terra natale, la Galizia, quando aveva 16 anni. Faceva parte di quel milione di spagnoli partiti in cerca di un futuro migliore in Svizzera, il principale paese di destinazione per i migranti iberici nel periodo tra gli anni Sessanta e Settanta. Oggi Berna è diventata la sua casa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 novembre 2012 - 16:01
swissinfo.ch

A 12 anni Genaro Rodríguez ha abbandonato la scuola dell'obbligo. Voleva evitare di essere nuovamente picchiato dalla maestra del suo villaggio, Fornelos, nella provincia di Coruña. Quattro anni più tardi, ormai operaio, ha deciso di seguire il consiglio di una voce amica: «Vattene in Svizzera. Lì c'è lavoro, una buona paga e un mondo diverso. Migliore».

Il ricordo dell'umiliazione subita durante l'infanzia gli ha impedito di tornare a scuola. Ma si è messo d'impegno e ha imparato il tedesco da autodidatta. In questo modo ha potuto formarsi per corrispondenza come capomastro. La testimonianza di un immigrato tenace. (Thomas Kern, Patricia Islas e Daniel Wihler, swissinfo.ch)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?