Navigation

Berna, 20'000 in piazza per la parità salariale

#Gnueg, ovvero "abbastanza": 37 anni dall'iscrizione nella Costituzione e 22 dalla Legge dovrebbero essere un tempo sufficiente a raggiungere la parità salariale. © KEYSTONE / PETER SCHNEIDER

Circa 20'000 persone, secondo i promotori, hanno preso parte sabato a Berna a una manifestazione per la parità salariale e contro la discriminazione tra i sessi, promossa a livello nazionale da oltre 40 tra sindacati, partiti e organizzazioni di sostegno.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 settembre 2018 - 20:50
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 22.09.2018)

Per quanto l'uguaglianza tra uomo e donna sia sancita dalla CostituzioneLink esterno da 37 anni, e la relativa LeggeLink esterno sia in vigore da 22, le posizioni dirigenziali e gli stipendi non sono ancora distribuiti in modo equivalente nel Paese.

A parità d'impiego, le donne in Svizzera guadagnano tutt'ora un quinto in menoLink esterno degli uomini e sono sottorappresentate in politica e nell'economia. Svolgono inoltre la maggior parte del lavoro non retribuito, come quello relativo alla casa o alla cura di familiari.

600 franchi che pesano

In media, riferiscono gli organizzatori della manifestazioneLink esterno, è stato calcolato che una donna guadagna al mese 600 franchi in meno di un collega di sesso maschile. 

Questo denaro, oltre a mancare alla persona e (a causa dei minori contributi) alla sua futura pensione, rappresenta anche minori entrate fiscali.

I dimostranti -presenti in centro città e sulla Piazza federale con cartelloni e palloncini colorati- chiedono al Consiglio nazionale di applicare la legge sull'uguaglianza con strumenti efficaci, come controlli salariali obbligatori e sanzioni per le aziende che si oppongono. 

Contenuto esterno

Lunedì, la camera bassa dovrà infatti approvare le disposizioni minime in quest'ambito dopo che il Consiglio degli Stati, l'altro ramo del Parlamento svizzero, negli scorsi mesi aveva ridimensionato il disegno di legge. È attesa una decisione molto serrata.

Contenuto esterno

Le donne guadagnano in media il 18% in meno rispetto agli uomini e in 4 casi su 10 questa differenza è imputabile a comportamenti discriminatori. Le donne in posizioni direttive guadagnano addirittura il 24% in meno dei loro colleghi uomini.

+ Piattaforma parità salarialeLink esterno

Intanto le aziende, per voce del presidente l'Unione svizzera degli imprenditori Valentin Vogt, respingono la tesi della discriminazione. Secondo Vogt, esistono sì delle differenze, che possono però essere spiegate.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.