Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Produzione italo-svizzera Cannes, applausi per 'Sicilian Ghost Story'

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La ‘Semaine de la critique’ del 70esimo Festival di Cannes si è aperta giovedì con una coproduzione italo-svizzera. Applausi ripetuti, alla fine della proiezione, per ‘Sicilian Ghost Story’ di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza.

Il film rievoca un efferato omicidio di mafia, quello del tredicenne Giuseppe di Matteo, rapito per 779 giorni e sciolto nell’acido nel 1996.

La pellicola, tuttavia, ha toni di una fiaba d’amore tra ragazzi. Variety ha titolato: “I fratelli Grimm incontrano Cosa nostra”. I malavitosi restano praticamente invisibili, trattati in maniera completamente diversa rispetto a serie criminali come ‘Gomorra’.

‘Sicilian Ghost Story’ è la storia di Luna, una ragazza siciliana che non potendo accettare la scomparsa misteriosa del suo compagno di classe 13enne, Giuseppe, si appresta a “scoprire un mondo oscuro e ignoto”.

È prodotto dall’italiana Indigo, con la ticinese Ventura Film e la Radiotelevisione svizzera RSI.

(2)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quattro anni fa, i due registi avevano ottenuto il Grand Prix e il Visionary Award della Settimana della Critica con il loro primo film "Salvo".

Quanto all’attrice bernese Sabine Timoteo, è stata presente alla competizione di Cannes l'ultima volta con la coproduzione svizzera ‘Le Meraviglie’, che si era aggiudicata il Grand Prix du Jury nel 2014.

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 19.05.2017)

×