Navigation

EPFL, mascherina trasparente e spazzino spaziale le migliori invenzioni del 2020

La pandemia ha svuotato per un certo periodo il campus dell'EPFL, da cui sono comunque uscite idee rivoluzionarie. Keystone / Laurent Gillieron

Il Politecnico federale di Losanna (EPFL) ha svelato mercoledì la classifica delle proprie migliori invenzioni del 2020.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 dicembre 2020 - 20:07

La medaglia d'oro va alla mascherina trasparente, che non nasconde il sorriso. La cosiddetta HelloMask, sviluppata dal centro EssentialTech del politecnico in collaborazione con Empa (il laboratorio federale per la ricerca sui materiali), unisce trasparenza e affidabilità e verrà presto prodotta su scala industriale.

Al secondo posto si piazza lo spazzino spaziale, sviluppato dalla start-up dell'EPFL ClearSpace per l'Agenzia spaziale europea (Esa). Oltre a essere un importante banco di prova per la rimozione attiva dei detriti, la missione aprirà nuove prospettive anche per la manutenzione in orbita.

Sul gradino più basso del podio si trova invece Coughvid, un sistema basato sull'intelligenza artificiale che da un colpo di tosse riconosce un'eventuale infezione da coronavirus. Questa ingegnosa soluzione è stata sviluppata nell'Embedded Systems Laboratory, parte del dipartimento di elettrotecnica del Politecnico.

I progetti interessanti sono stati molti e nella situazione pandemica attuale è sicuramente rilevante la partecipazione alla creazione dell'applicazione SwissCovid, l'app svizzera per il tracciamento dei  contagi.

Numerosi progetti si sono occupati anche del clima, come ad esempio lo studio sul potenziale solare in Svizzera.

tvsvizzera.it/Zz/ats


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.