Navigation

Premi fiscali per chi sceglie di lavorare in Italia al vaglio

Roma sta vagliando opzioni per tenere in Italia i lavoratori e le lavoratrici attratti dalla Svizzera. © Keystone / Gaetan Bally

Il ministro italiano dell'economia ha annunciato che Roma sta studiando misure fiscali per incentivare personale frontaliero e imprese a restare in patria.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2023 - 19:44
tvsvizzera.it/MaMi con agenzie

Il Governo italiano sta studiando un "premio fiscale di confine" per incentivare i lavoratori e alle imprese italiane di "scegliere se lavorare in Italia o in Svizzera".

Lo ha detto oggi il ministro italiano dell'economia Giancarlo Giorgetti nel corso di un convegno sul lavoro transfrontaliero a Morbegno, in provincia di Sondrio.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

"Credo - ha affermato Giorgetti in base a quanto riporta l'agenzia ANSA - che sia opportuno immaginare una sorta di premio di confine da attribuire a quelle aziende e a quei lavoratori che nell'arco dei 20 chilometri dal confine intendono mantenere la produzione e quindi la creazione di ricchezza in Italia, altrimenti il rischio è di una concorrenza che è assolutamente insostenibile, con la conseguente desertificazione produttiva".

Assieme al nuovo accordo sui frontalieri

"L'idea - ha proseguito il ministro - è di fare in modo che parta contestualmente con il nuovo trattato con la Svizzera dal 1 gennaio 2024".

L'obiettivo è "la creazione di una sorta di premio di confine, che in buona sostanza è una forma di defiscalizzazione per i lavoratori dipendenti delle imprese di confine, per dare l'opportunità di scegliere se andare in Svizzera o lavorare in Italia".

"Paradossalmente - ha aggiunto ancora Giorgetti - questo (premio di confine, ndr.) è importante ma non è risolutivo, perché bisogna immaginare il futuro con queste forme di intervento e con investimenti e la promozione dell'imprenditorialità".

"Dobbiamo trovare ancora tanti giovani che vogliono mettersi in gioco e fare attività e impresa qui in Italia", argomenta il ministro spiegando che "questa è la sfida che tutto il sistema, imprese, amministrazioni pubbliche e politica deve raccogliere".

"Mancano operatori nella sanità e nel turismo"

"Oggi - ha asserito Giorgetti - basta girare fra le lavoratrici e i lavoratori per capire che c'è una fatica terribile in alcuni settori più di altri come quello della sanità e del turismo, dove diventa difficile trovare operatori in questo settore".

L'idea di incentivi fiscali per chi sceglie di continuare a lavorare in Italia invece di varcare il confine era già stata avanzata negli scorsi mesi anche e proprio nell'ambiente sanitario, che risente particolarmente dell'esodo di professioniste e professionisti. Ora a questa voce se ne accoda una di peso a livello nazionale come quella di Giorgetti.
 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?