Navigation

Cile, 158 religiosi cattolici sono stati indagati

La Procura nazionale cilena ha reso noto ieri che dal 1960 ad oggi la sua Unità specializzata nei Diritti umani, violenza di genere e reati sessuali ha svolto inchieste su 158 religiosi cattolici associati a 144 indagini.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 luglio 2018 - 11:07
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Di questi 74 sono vescovi, sacerdoti e diaconi non appartenenti ad alcuna congregazione. Lo riferisce Radio Bio Bio di Santiago del Cile.

Altri 65 vescovi, sacerdoti e diaconi invece fanno parte di specifiche congregazioni (fra cui 16 salesiani e 15 maristi), dieci laici a carico della pastorale parrocchiale o impegnati in istituti scolastici, e nove altri di cui non è stato possibile chiarire il grado o la funzione.

Il rapporto diffuso dalla Procura ha identificato 266 vittime, fra cui 178 bambine, bambini e adolescenti, 31 adulti e 57 senza specificazione, che riguardano casi denunciati prima dell'anno 2000.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.