Navigation

Los Angeles: puntata #5 @Italian Cinema Style

Intervista a Pif, siciliano doc, vincitore ai David di Donatello come regista emergente

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 novembre 2014 - 15:15

Continua la sfilata sul red carpet hollywoodiano di protagonisti italiani.

Intervistato da Riccardo Ferraris c'è Pif, un regista agli esordi, ma un personaggio televisivo da tempo.

Un film sulla mafia

E' stato proiettato per la prima volta a Hollywood "La mafia uccide solo d'estateLink esterno", il film di Pierfrancesco Diliberto, in arte PifLink esterno, vincitore ai David di Donatello come miglior regista emergente. La proiezione del film, in lingua originale e sottotitoli in inglese, ha raccolto stupore e risate tra il pubblico del Cinema Italian Style 2014 all'Egyptian Theatre di Los Angeles. La pellicola racconta la storia di Arturo bambino palermitano innamorato perdutamente di Flora, la fanciulla che gli ha incendiato il cuore. Nato in Sicilia, Arturo è stato concepito il giorno in cui Totò RiinaLink esterno, Bernardo ProvenzanoLink esterno, Calogero BagarellaLink esterno e altri due uomini della famiglia Badalamenti, uccisero Michele CavataioLink esterno vestiti da militari della Guardia di Finanza. Mafia e Amore si mischiano in un lungometraggio che ha segnato il debutto alla regia di Pif, fino ad ora sempre legato al mondo televisivo.

Riccardo Ferraris

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.