Navigation

Gerani, ben più che un fenomeno da balcone

Non sempre il solito davanzale [nell'immagine, una vecchia casa di Buchs, San Gallo] Keystone / Martin Ruetschi

Un piccolo museo di Reinach, nel Canton Argovia, dedica un'esposizione ai gerani, i fiori più diffusi in Svizzera: ogni anno, se ne vendono una decina di milioni di piantine. "Lavorando sul tema, ci siamo resi conto che non è solo un fiore decorativo", spiega la curatrice Ursula Rüesch.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 maggio 2019 - 21:10
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 15.05.2019)

È usato in medicina, nella cosmetica e in cucina. A portarlo in Europa, dal Sudafrica nel 1670, furono gli olandesi. Dopo la classificazione e le prime apparizioni nei giardini reali, si diffuse in tutto il vecchio continente.

"Il successo di questo fiore è specchio del mondo in cui viviamo", osserva Beat Hächler, direttore del Museo alpino di Berna, che ha aiutato la curatrice del Museum SchneggliLink esterno nell'allestimento. Nell'intervista, l'esperto descrive il ciclo di riproduzione e distribuzione di questo "prodotto globalizzato".

Contenuto esterno


Hächler rileva inoltre come i gerani soffrano oggi di un "problema di immagine". Ma i coltivatori hanno trovato il modo di rilanciare le vendite, in particolare affiancando ai classici 'grandprix' dal rosso luminoso dei nuovi colori.

La mostra è aperta fino al 2 giugno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.