Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Come nasce una pietra (da curling)

È in Scozia, in una piccola azienda a conduzione familiare, che vengono fabbricate le 'stones' più performanti; l'abbiamo visitata

Domenica sera, la nazionale femminile svizzera di curling giocherà per la medaglia d'oro ai Mondiali in corso in Canada. Il team di Binia Feltscher si è qualificato per la finalissima che potrà giocare contro la Russia, il Canada o il Giappone.

Il curling si gioca con pietre di granito levigate con precisione, per scivolare al meglio sul ghiaccio. È in Scozia, in una piccola azienda a conduzione familiare, che vengono fabbricate le pietre più performanti. L'abbiamo visitata.

Ailsa Craig, in italiano "la pietra di Elisabetta", è una piccola isola scozzese da dove si ricava il granito usato per fabbricare le pietre da curling. Da un secolo, una piccola azienda a conduzione familiare fornisce tonnellate di granito verde e blu alla fabbrica di Mauchline, in Scozia.

È qui che comincia il lavoro. Prima tappa: tagliare il granito verde, parte essenziale della pietra. Seconda tappa: applicare alle due estremità uno strato di granito blu molto fine e impermeabile, fondamentale per scivolare al meglio. Assemblare i due graniti diversi è dunque la formula magica della rinomata fabbrica di Mauchline.

Una pietra da curling pesa 18 chili e 100 grammi. La precisione del peso dipende da un lavoro di fabbricazione molto minuzioso. La lucidatura è un elemento importantissimo che richiede una precisione millimetrica, solo così la pietra scivola alla perfezione.

Le Kays of Scotland [cfr. video] sono le migliori al mondo. L'orgoglio del titolare Bill Hunter è legittimo: "Siamo molto fieri. Abbiamo concepito e realizzato queste pietre di curling che scivolano sul ghiaccio in modo unico."

Una pietra come questa costa mille franchi. La garanzia dura ben un secolo!

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×