Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Colpito il dipartimento del Var Brucia la Costa Azzurra, sfollate 12mila persone

Non accennano a diminuire gli incendi che in questi giorni stanno mettendo in ginocchio il sud est della Francia. Nelle ultime ore diversi centri della Costa Azzurra sono stati colpiti dalle fiamme, che hanno minacciato abitazioni e centri turistici. Sfollate almeno 12mila persone.

cost

Gli incendi stanno devastando la Costa Azzurra. Sfollate almeno 12mila persone.

Nella notte tra martedì e mercoledì, un rogo si è sviluppato nei pressi di Bormes-Les-Mimosas, piccolo comune nel dipartimento del Var, nella regione della Provence-Alpes-Cote d'Azur (Paca), provocando l'evacuazione di 12mila persone, tra cui 3mila campeggiatori, che hanno trovato riparo in spiaggia o in alcune strutture di fortuna allestite per l'occasione. 

A causa del forte vento che ha continuato a soffiare durante tutto il giorno, le fiamme hanno bruciato più di mille ettari di terreno, mobilizzando 540 vigili del fuoco e 5 aerei antincendio. In aiuto delle forze già impegnate sul posto è arrivata una squadra dalla regione dell'Ile-de-France, composta da 98 uomini e 32 automezzi.

I testimoni hanno parlato di uno scenario apocalittico, con le fiamme che hanno continuato a divampare tutta la notte sulle colline creando uno spettacolo infernale.

Nella mattinata, un secondo incendio è divampato vicino Martigues, piccolo centro nel dipartimento del Bouches-du-Rhone, a una cinquantina di chilometri a est di Marsiglia. In un primo momento, i 200 vigili del fuoco arrivati sul posto sono riusciti a riportare la situazione alla normalità, ma nel pomeriggio le fiamme si sono riaccese continuando a bruciare durante tutto il giorno. 

A questo si aggiungono poi altri centri sulla Costa Azzurra, come quelli di Londe-Les-Maures e Peynier, anche loro confrontati a roghi improvvisi. Nonostante non sia ancora possibile accertarne le cause, la polizia ha fermato alcune persone, sospettate di aver appiccato il fuoco in diverse zone. 

Brucia da tre giorni

Intanto, i roghi che da lunedì hanno bruciato 5mila ettari di terreno tra il sud est del paese e la Corsica continuano a preoccupare le autorità. In visita alla stazione di Biguglia, nell'Alta Corsica, ieri sera il ministro dell'Interno, Gérard Collomb, ha annunciato l'acquisto di otto nuovi aerei antincendio. Ad oggi la flotta francese "è sufficiente" ha detto Collomb, sottolineando però che i mezzi "devono essere sottoposti a manutenzione ogni volta che tornano a terra", un procedimento che richiede tempo e costi elevati.

Il presidente della regione Paca, Renaud Muselier, ha lanciato un appello a Macron affinché il governo, in collaborazione con altri stati del sud, intavoli una trattativa con la Viking Air, società costruttrice dei Canadair, per rinnovare la flotta europea. La Viking Air "si rifiuta di riprendere la produzione a meno che non gli venga presentato un ordine di almeno 25 apparecchi" ha dichiarato Muselier in un comunicato, sottolineando che questo "rappresenterebbe un investimento di più di un miliardo di euro".


subscription form

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.


tvsvizzera.it/fra con RSI

×