Cinema I cento anni dell'italiano medio Sordi

Alberto Sordi

L'attore romano Alberto Sordi, scomparso nel febbraio 2003.

Keystone / Claudio Onorati

Cent'anni fa, il 15 giugno 1920, nasceva nel quartiere popolare di Trastevere Alberto Sordi, l'attore che più di ogni altro ha saputo incarnare vizi e virtù dell'italiano medio attraverso le 152 pellicole che ha interpretato.

Nella sua lunga carriera artistica, terminata con la scomparsa avvenuta il 24 febbraio 2003, ha descritto mirabilmente e in modo originale i profondi e vorticosi cambiamenti della società italiana. Gli esordi radiofonici con i "compagnucci della parrocchietta", trasmissione ripresa nell'omonimo film di Vittorio de Sica, rappresentavano con ironia e sagacia il nuovo ceto formatosi all'ombra degli ambienti cattolici che si stava affermando nel secondo dopoguerra.

Negli anni cinquanta e sessanta, fu uno dei pilastri della Commedia all'Italiana, offrendo una lettura personale e caricaturale dell'Italia alle prese con le contraddizioni del boom economico.

Una comicità velata spesso di tristezza e intercalata con il dramma collettivo, in "La grande guerra", "Tutti a casa", "Una vita difficile" o un "Borghese piccolo piccolo" girati con registi del calibro di Mario Monicelli, Luigi Comencini e Dino Risi. Collaborò anche con Federico Fellini, in particolare in "I vitelloni".

Alberto Sordi non si limitava però a fornire un'interpretazione dell'italiano medio, furbo, piacione, vigliacco o debole, ma partecipava spesso alla stesura della sceneggiatura e alla regia.

Il Tg è andato sui luoghi dove sono state girati alcuni dei suoi film più celebri. Un omaggio realizzato per la pagina facebook di Cult PLUS della RSI di cui proponiamo un estratto.

Parole chiave