Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Cédric Herrou ricorrerà Francia, condannato a 4 mesi il contadino amico dei migranti

Cédric Herrou
(Keystone)

Cédric Herrou, l'agricoltore processato per aver aiutato dei migranti a passare la frontiera tra Francia e Italia a Ventimiglia, è stato condannato dalla Corte di Appello di Aix-en Provence a quattro mesi di carcere con la condizionale per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

A febbraio il 37enne, che ha denunciato le condizioni di sfruttamento dei profughi nei campi della Francia meridionale, era già stato condannato in primo grado a pagare una multa di tremila euro ma la procura aveva deciso di ricorrere contro la sentenza chiedendo una pena detentiva di otto mesi con la condizionale.

Insieme all'associazione Roya Citoyenne, Cédric Herrou si è adoperato da diversi mesi per fornire sostegno e aiuti a circa un migliaio di immigrati provenienti dall'Italia. A marzo era stato arrestato per la sesta volta alla stazione di Cannes insieme ad altri 156 migranti diretti a Marsiglia per presentare richiesta d'asilo in Francia.

"Non rimpiango nulla di quello che ho fatto perché c'è una vera deriva da parte dello stato e della giustizia" che "calpesta i diritti dei migranti", ha commentato l’attivista, che ha preannunciato a sua volta il ricorso in cassazione contro la decisione della corte d’appello.

Dal 2012 l’ordinamento francese accorda l'immunità penale a coloro che forniscono un aiuto umanitario e disinteressato ai migranti senza scopo di lucro ma per i giudici Cédric Herrou, divenuto un simbolo della lotta in favore dei profughi, si è comportato alla stregua di un passatore, avendo fatto entrare clandestini su suolo francese allo scopo di far loro ottenere il diritto d’asilo.

tvsvizzera/spal con RSI (TG dell'8.8.2017)

×