Navigation

Biancheria svizzera e cinema, un rapporto intimo

La canottiera di Nicole Kidman in 'Eyes wide shut', gli slip di Dakota Johnson in '50 sfumature' e di Marylin in 'Quando la moglie è in vacanza'; l'intimo svizzero è nell'immaginario collettivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 marzo 2015 - 15:54

Tempi duri per le esportazioni ma ci sono indumenti svizzeri che, nonostante i problemi causati dal franco forte, viaggiano di pari passo con l'immaginario collettivo.

La biancheria intima 'made in Switzerland' è stata tante volte protagonista nel cinema e la ritroviamo pure in 'Cinquanta sfumature di grigio', attualmente con grande successo nelle sale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.