Navigation

Lula condannato, 9 anni e mezzo per corruzione

Contenuto esterno

L’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula Da Silva è stato condannato in primo grado a nove anni e sei mesi di reclusione per corruzione nell’ambito dell’inchiesta sugli affari fra politica e grandi imprese. Il giudice -che lo ha dichiarato interdetto dai pubblici uffici per 19 anni, decisione che può entrare in vigore solo una volta esauriti tutti i gradi di giudizio- ha stabilito che in attesa dell'appello non andrà in carcere.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 luglio 2017 - 13:30
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 13.07.2017)

L'ex capo di Stato, al governo dal 2003 al 2010, è stato ritenuto colpevole di aver ricevuto tangenti pari a 3,7 milioni di reais, 1 milione di euro, per via di tre contratti stipulati tra l’impresa di costruzioni OAS e il colosso statale del petrolio, Petrobras. Li avrebbe in parte riciclati nella ristrutturazione di un attico di lusso a Guarujà, sul litorale di San Paolo.

È la prima volta in Brasile, dall'entrata in vigore della Costituzione del 1988, che un ex presidente della Repubblica subisce una condanna penale. Lula è stato rinviato a giudizio altre quattro volte nell’ambito della stessa inchiesta (‘Lava Jato’).

I difensori hanno annunciato che opporranno ricorso. Una battaglia giudiziaria ma anche politica, visto che Lula intende correre alle elezioni presidenziali del prossimo anno. È in testa a tutti i sondaggi, ma per candidarsi deve evitare di essere condannato nel processo d’appello.

Lula non è il solo, in Brasile, a vivere momenti complicati. Anche l’attuale presidente Michel Temer è accusato di corruzione, e il Parlamento deve decidere questa settimana se sottoporlo al processo della Corte Suprema. Acque agitate in un paese ex potenza in divenire, che oggi appare in piena crisi economica, politica e istituzionale.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.