Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Bahrain, il regno discreto

di Stefano Paolo Giussani

Il regno del Bahrain si presenta all'inizio del braccio lungo del Decumano nel più discreto dei modi. Il muro bianco che lo delimita è talmente uniforme che se non fosse per la scritta dorata nazionale e le chiome delle palme che sporgono potrebbe sembrare una barricata da lavori in corso. Invece è tra i padiglioni più curiosi.

L'antico fregio

Il progetto è ricavato da un antico fregio che, riportato in pianta, riporta lo spazio dove due passerelle curvilinee attraversano 10 ambienti e altrettanti giardini a rappresentare il patrimonio agricolo del piccolo regno affacciato sul Golfo Persico. Per raccontare di più ed evocare gli ambienti locali, si è fatto uso di espedienti come amplificatori che diffondono rumore d'acqua, un filmato che presenta scene di vita quotidiana, la sala a fine percorso che ospita reperti archeologici. Le didascalie incise nello stesso colore delle pareti sono molto eleganti ma quasi illeggibili. A metà padiglione, il piccolo bar ristoro è tra i più quieti di Expo.

Atmosfere da evocazione

Tutto il verde esposto, in almeno metà dello spazio, darà frutti nel corso dei sei mesi ed è uno degli elementi da premiare in un padiglione che, in proporzione all'area occupata, racconta molto senza essere appariscente. Completamente prefabbricato, a fine manifestazione sarà trasferito in una piazza di Manama, la capitale costruita su un arcipelago, per diventare un giardino botanico.

Tutti i padiglioni di EXPOLink esterno

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box