Navigation

Attacco di panico, come riconoscerlo e cosa fare

Può accadere in qualsiasi momento e inaspettatamente. A soffrirne sono in molti ma spesso il disturbo non viene riconosciuto subito. Stiamo parlando dell' attacco di panico, di quell' attimo in cui il mondo sembra crollarti addosso. Un' esperienza terribile per chi lo vive. Sabato prossimo sul tema si terrà un simposio a Mendrisio. Noi ne parliamo anche con uno specialista. Prima però vi propongo di ascoltare la testimonianza di due donne, con due storie completamente diverse, che ci hanno chiesto di rimanere nell'anonimato.  

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 ottobre 2017 - 08:35
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Si stima che circa il 30% della popolazione soffra, almeno una volta nella vita di attacchi di panico. I motivi possono essere tanti. Spesso, dicono gli esperti, gli attacchi di panico sono legati ad eventi particolarmente stressanti come la perdita di un legame affettivo. Tutto diventa un circolo vizioso. Il rischio è quello di limitare la propria vita. E allora bisogna trovare il coraggio di parlarne per guarire con l'aiuto delle persone giuste e delle cure giuste. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.