Navigation

A Tokyo, quattro atleti svizzeri su dieci sono soldati

Oro, argento e bronzo: martedì nella prova di mountain bike le tre atlete svizzere hanno conquistato i primi tre posti. Sina Frei, Jolanda Neff e Linda Indergand (da sinistra a destra) hanno tutte e tre potuto usufruire del programma di promozione dello sport di punta dell'esercito. Keystone / Peter Klaunzer

Molti degli sportivi elvetici presenti ai Giochi olimpici usufruiscono del programma di promozione dello sport di punta dell'esercito.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 luglio 2021 - 20:50

Al pari di altri Paesi europei, anche in Svizzera molti atleti di alto livello sono legati a doppio filo con le forze armate.

Sui 115 sportivi rossocrociati selezionati per i Giochi in corso in Giappone, 48 sono impiegati come militari a contratto temporaneo dall'esercito o hanno svolto la scuola reclute e i corsi di ripetizione per sportivi di punta.

Un programma che sembra dare i suoi frutti, poiché cinque delle sei medaglie svizzere vinte finora sono state conquistate da atleti militari.

Contenuto esterno

A capo del centro di competenza sportivo dell'esercito di Macolin, nel Canton Berna, c'è il ticinese Marco Mudry, che traccia un bilancio molto positivo di questo programma avviato oltre una decina di anni fa.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.