Navigation

"Il matrimonio per tutti non considera il bene superiore dei bambini"

La modifica legislativa sarà oggetto di voto il prossimo 26 settembre. © Keystone / Christian Beutler

Oggi è sceso in campo il fronte dei contrari alla modifica legislativa su cui voteremo il prossimo 26 settembre. Ossia coloro che intendono affossare il cosiddetto "matrimonio per tutti".

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 agosto 2021 - 20:54
tvsvizzera.it/MaMi

Una modifica sostenuta da Consiglio federale e Parlamento che prevede la possibilità alle coppie dello stesso sesso di sposarsi civilmente. Per i contrari questo metterebbe a rischio la famiglia tradizionale, ignorando l'interesse superiore dei bambini e aprendo la strada alla maternità surrogata.

Tra un mese il popolo sarà chiamato ad esprimersi e il dibattito è ormai entrato nel vivo. La nuova legge darà la possibilità a due uomini e due donne di sposarsi, sostituendo così l'attuale unione domestica registrata. Nel servizio sottostante, due rappresentanti della politica federale espongono il punto di vista degli oppositori all'iniziativa: si tratta del consigliere nazionale PPD Marco Romano e del collega UDC Piero Marchesi; mentre l'omologo PLR Alex Farinelli interverrà come posizione a favore.

Contenuto esterno




 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.