Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Crisi dei rifugiati Esercito svizzero pronto a intervenire

Duemila militari saranno a disposizione delle guardie di confine in caso di afflusso massiccio di migranti in Svizzera. Lo ha deciso il governo svizzero invitando nel contempo il Dipartimento della difesa ad adottare le misure necessarie per sostenere le autorità civili.

L'esercito interverrebbe solo nel caso in cui ci fossero 30 mila attraversamenti di frontiera in pochi giorni. Nell'eventualità di un evento grave, il Dipartimento federale della difesa dovrà essere in grado di mobilitare un ulteriore battaglione (di circa 700 militari) per sopperire a eventuali fabbisogni supplementari delle autorità civili.

In Svizzera questo scenario non si è mai verificato, nemmeno durante il conflitto in Kosovo, al cui apice si registrarono 9'649 domande d’asilo. Attualmente, puntualizza il Consiglio federaleLink esterno, non sussiste la necessità di un intervento del genere da parte dell'esercito. Cionondimeno, l’esecutivo intende essere pronto e assicurato di poter disporre senza indugio delle forze necessarie qualora ce ne fosse il bisogno.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×