Cinema Wim Wenders porta a Cannes la parola di Papa Francesco

Chi, a Cannes, si aspettava di vedere un ritratto critico di Papa Francesco firmato Wim Wenders è rimasto deluso. Il regista tedesco, già vincitore della Palma d'Oro nel 1984, nel suo ultimo film non nasconde tutto il suo amore e rispetto per il Pontefice. 


"Non ho voluto fare un film critico, altri lo possono fare molto bene, la televisione lo fa tutto il tempo", Wenders ha detto all'agenzia Reuters a Cannes dopo la prima proiezione del suo "Pope Francis, a Man of His Word (in Italiano: Papa Francesco: un uomo di parola). 

Il Papa porge un libro a Wenders

Wim Wenders e Papa Francesco durante le riprese del film.

Keystone

"I miei documentari sono l'espressione di amore e affetto per ciò che voglio condividere con il mondo… In questo momento penso che non ci sia nessuno che ha cose più importanti da dire del Papa, ed è questo che ho voluto condividere. 

"Stiamo vivendo in un periodo estremamente immorale e i nostri leader politici, potenti leader, sono emotivamente dei nani. Volevo che a parlarci fosse invece un gigante emotivo", ha proseguito. 

Presentato come un viaggio iniziatico nell'universo del Papa, il film, proiettato domenica e lunedì fuori concorso, è articolato attorno a tematiche come l'immigrazione, l'ecologia o la famiglia. 

Basato su lunghe interviste nel quale il Pontefice sembra parlare direttamente allo spettatore, la pellicola utilizza anche diverse immagini dei viaggi di Francesco in America del Sud, negli Stati Uniti o in Africa.

È stato il Vaticano a proporre l'idea al regista di "Buena Vista Social Club" e "Paris, Texas". "Ci hanno dato carta bianca e accesso agli archivi. Non abbiamo neanche dovuto insistere. È incredibile", ha spiegato Wenders. 

Parole chiave