Navigation

Coronavirus: i numeri in Svizzera

Keystone / Alessandro Crinari

Qui trovate le cifre e i dati più importanti sull'evoluzione della pandemia di coronavirus in Svizzera. I grafici vengono continuamente aggiornati e forniscono quindi il quadro attuale della situazione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 luglio 2021 - 15:24
SRF Data
Contenuto esterno
Contenuto esterno
Contenuto esterno
Contenuto esterno

In Svizzera esistono diverse fonti che riportano i dati della diffusione del coronavirus. Le informazioni sono raccolte principalmente dalle autorità cantonali e vengono pubblicate una volta al giorno sul sito dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Per quanto concerne il numero di decessi, l'UFSP pubblica talvolta cifre con qualche giorno di ritardo rispetto ai Cantoni.

Fino all'8 luglio SWI swissinfo.ch ha pubblicato soltanto le cifre provenienti direttamente dai Cantoni. A tale scopo è stata utilizzata un'interfacciaLink esterno gestita dall'Ufficio di statistica del Cantone di Zurigo, la quale risponde a norme rigorose in materia di qualità e di disponibilità dei dati.

Dal 9 luglio, la fonte dei casi confermati di contagio è nuovamente l'UFSP, in quanto alcuni Cantoni non pubblicano più le cifre con regolarità. Dal 23 dicembre, per motivi di coerenza, i dati dell'UFSP vengono utilizzati anche per le cifre relative ai decessi.

Contenuto esterno
Contenuto esterno
Contenuto esterno
Contenuto esterno
Contenuto esterno

La situazione nel mondo

È una corsa contro il tempo. Quali Paesi possono organizzare la vaccinazione contro la Covid-19 per la loro popolazione e permettere così un rapido contenimento della pandemia, la protezione dei gruppi a rischio e un ritorno alla normalità?

Le prime dosi di vaccino sono state somministrate a metà dicembre 2020, ma potrebbero volerci mesi o addirittura anni prima che tra il 50 e il 75 per cento della popolazione sia vaccinata, raggiungendo così la cosiddetta immunità di gregge.

La nostra tabella regolarmente aggiornata mostra le dosi di vaccino per 100 abitanti somministrate nei vari Paesi. Per la maggior parte dei vaccini sono necessarie due dosi a distanza di almeno tre settimane per garantire una protezione duratura. La tabella indica la percentuale della popolazione vaccinata contro il nuovo coronavirus.

Contenuto esterno

Per il confronto internazionale riportiamo i datiLink esterno dell'Università Johns Hopkins, ad eccezione delle cifre relative alla Svizzera. Per motivi di coerenza, anche in questo caso vengono usate le cifre dell'UFSP.

Contenuto esterno
Contenuto esterno
Contenuto esterno

(Elaborazione tecnica: Jonas Glatthard)


Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.