Navigation

Quando in Svizzera si giocava la Coppa Italia

I lavoratori italiani giunti in Svizzera a partire dagli anni '60 del secolo scorso, oltre alle braccia hanno portato anche le gambe. In quegli anni nacquero infatti in tutta Svizzera un centinaio di squadre di calcio, rigorosamente di soli italiani, regolarmente iscritte ai campionati svizzeri nelle diverse categorie. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 giugno 2018 - 09:16
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Juventus, soprattutto, ma anche Inter, Azzurri e altri nomi con spesso l'aggiunta dell'aggettivo "italiano", hanno popolato i campionati minori di calcio in Svizzera soprattutto a partire dagli anni '60 con la punta di diamante, lo Sportclub Young Fellows Juventus, che negli anni '70 ha militato in serie A.

Ma la storia straordinaria di questa emigrazione italiana, da un punto di vista sportivo, è la Coppa Italia, organizzata in Svizzera. Per una ventina di anni infatti, a partire del 1961, le squadre "italiane" della Svizzera tedesca hanno organizzato questa competizione. 

Oggi esistono ancora diverse squadre "italiane", ma ai ragazzi italiani di seconda o terza generazione (nel frattempo con il passaporto rossocrociato) sono andati ad aggiungersi i nuovi immigrati, soprattutto giocatori provenienti dall'ex Jugoslavia, e svizzeri 'doc'. Si parla lo svizzero tedesco e sempre meno l'italiano.

Nomi illustri

Tra i convocati della nazionale elvetica che parteciperà ai mondiali russi, non c'è nessun giocatore di origini italiane. Eppure sono stati tanti gli italiani, figli di emigrati, che hanno vestito la maglia della nazionale svizzera (o che invece hanno preferito la nazionale italiana). 

Due nomi su tutti: Ciriaco Sforza, capitano rossocrociato, che a cavallo del millennio ha vestito anche le maglie di Inter e Bayern Monaco, e Roberto Di Matteo, nato e cresciuto a Sciaffusa che negli anni '90, passato dallo Zurigo alla Lazio, ha preferito la maglia azzurra (34 selezioni).


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.