Navigation

Quando si andava al cinema anche per informarsi

Prima dell’arrivo della televisione, ci si poteva tenere al corrente dell’attualità nei cinema. Il Cinegiornale svizzero, prodotto una volta alla settimana dal 1940, era stato voluto dal governo per controbilanciare la propaganda nazista. (SRF/Cinegiornale svizzero/swissinfo.ch)

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 novembre 2016 - 16:45

Dalla caccia ai lupi alle parate militari e ai raduni ginnici. Per 35 anni, ogni settimana gli svizzeri hanno potuto aggiornarsi su quanto succedeva nel loro paese e nel mondo grazie al Cinegiornale. Assieme ai giornali e alla radio, era l’unica fonte di informazione.

A produrre dei servizi erano anche registi svizzeri conosciuti. Ogni episodio era prodotto nelle tre lingue nazionali e fino al gennaio 1946 doveva essere obbligatoriamente proiettato in tutte le sale del paese.

La concorrenza della televisione e l’ostilità di parte del mondo cinematografico svizzero furono però fatali al Cinegiornale, che nel 1975 cessò di esistere.

Oggi, per rendere accessibile online l’archivio, si stanno digitalizzando circa 6'500 filmati. Il progetto è frutto di una collaborazione tra l’Archivio nazionale del film, gli Archivi federali svizzeri e Memoriav. 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?