Navigation

Berna dice stop alle manifestazioni contro le misure anti Covid

La manifestazione non autorizzata degli oppositori alle misure Covid lo scorso 16 settembre è degenerata. KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 settembre 2021 - 17:10
(Keystone-SDA)

La Città di Berna ha annunciato oggi che non tollererà più manifestazioni non autorizzate contro le misure anti Covid. La decisione è stata presa in seguito alle violenze verificatesi giovedì scorso a un raduno degli oppositori alle misure davanti a Palazzo federale.

La polizia cantonale bernese ha ricevuto l'ordine di non permettere le manifestazioni annunciate per giovedì, ha comunicato oggi il Consiglio municipale. Queste non sono infatti state autorizzate.

Gli oppositori alle misure per contrastare il coronavirus hanno lanciato l'appello a queste nuove manifestazioni sulle reti sociali. Circolano anche appelli ad una contro-manifestazione.

Oggi il Consiglio municipale di Berna ha chiesto agli organizzatori delle manifestazioni di ritirare i loro appelli. Pur riconoscendo il bisogno crescente di esprimersi su questioni politiche e sociali tramite manifestazioni, in particolare nella città federale, le autorità devono essere consultate per un'eventuale autorizzazione. Questo è l'unico modo in cui il diritto alla libertà d'espressione può essere esercitato in maniera pacifica, viene puntualizzato nella nota.

La Città di Berna aperta alla discussione

Nel suo comunicato, il municipio reitera la sua disponibilità al dialogo. Non è quindi escluso che la manifestazione di giovedì venga quindi autorizzata. Il direttore della sicurezza Reto Nause ha precisato a Keystone-ATS di aver organizzato un incontro con gli oppositori alle misure sanitarie.

"La domanda è sapere se possiamo giungere a un accordo", ha sottolineato Nause. Per quest'ultimo bisogna avere una discussione chiara e concreta. Bisogna in particolare sapere se si tratta di un raduno statico oppure di un corteo, in questo secondo caso è necessario conoscere l'itinerario, ha aggiunto.

Giovedì scorso, una manifestazione non autorizzata contro le misure anti Covid ha riunito tra le 3'000 e le 4'000 persone a Berna. Per proteggere Palazzo federale dai disordini, la polizia ha dovuto utilizzare un cannone ad acqua e far uso di proiettili di gomma e gas irritanti. Alcuni presenti hanno reagito lanciando oggetti in direzione di Palazzo federale e sparando petardi.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.