Navigation

Attacco contro fedeli sinagoga San Diego, una vittima

Paura in California, dove alcuni colpi di arma da fuoco sono stati esplosi contro i fedeli di una sinagoga. Il bilancio è di una vittima. KEYSTONE/AP The San Diego Union-Tribune/JOHN GIBBINS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 aprile 2019 - 08:15
(Keystone-SDA)

Paura in California, dove alcuni colpi di arma da fuoco sono stati esplosi contro i fedeli di una sinagoga e hanno lasciato diverse persone colpite e a terra. Il bilancio è di una vittima, una donna, e di tre feriti tra cui una bambina e un rabbino.

Fermato l'autore della sparatoria, un diciannovenne bianco di San Diego, che risponde al nome di John Earnest. Secondo le informazioni note al momento si tratterebbe di un suprematista bianco che avrebbe scritto alcune lettere in cui denuncia il suo odio verso gli ebrei e altre persone. Lo scrive Rita Katz, la responsabile del sito specializzato Site che monitora il web e i social media.

Il ragazzo avrebbe scritto di essersi ispirato a Brenton Tarrant, l'uomo che ha fatto una strage in una moschea e in un centro islamico di Cristchurch, in Nuova Zelanda.

Sempre secondo Katz, il diciannovenne avrebbe postato una lettera in cui invita altri bianchi suprematisti a condurre attacchi. Il giovane avrebbe anche scritto una lista di persone a cui si ispirerebbe, tra cui figura anche Adolf Hitler.

La sparatoria

Teatro della sparatoria la cittadina di Poway, una ventina di chilometri proprio da San Diego, dove si trova il centro ebraico della Congregation Chabad. Lì si trovavano almeno cento persone riunite di sabato mattina per le celebrazioni della Pasqua ebraica. Poteva essere una strage. Il ragazzo ha aperto il fuoco con un fucile semiautomatico ed è stato fermato dagli agenti dopo un breve scontro a fuoco mentre tentava la fuga.

Ancora vivo negli Usa è il ricordo della strage della sinagoga di Pittsburgh, in Pennsylvania, avvenuta esattamente sei mesi fa, il 27 ottobre scorso, quando un uomo, Robert Bowers, entrò in azione e uccise 11 persone, in quello che viene considerato l'attacco antisemita più grave della storia degli Stati Uniti.

Nel caso di Poway non è ancora chiaro se il movente della sparatoria sia l'antisemitismo, anche se il presidente americano Donald Trump, parlando con i giornalisti che lo seguivano in Wisconsin per un comizio, ha parlato di "crimine d'odio". Anche il sindaco della cittadina di Poway, Steve Vaus, ha parlato davanti alle telecamere di "crimine d'odio" e ha dichiarato che l'obiettivo degli spari era proprio la comunità ebraica: "Credo che l'autore di quanto accaduto - ha detto - sia stato mosso dall'odio per questa comunità".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?