Navigation

Arabia Saudita, 47 esecuzioni

Il paese arabo si conferma tra quelli con il più alto numero di esecuzioni nel mondo, secondo solo a Cina e Iran. Dal 1985 al 2005 sono state messe a morte oltre 2200 persone

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 gennaio 2016 - 14:03

Ha riacceso tensioni a livello regionale e scatenato varie manifestazioni di protesta la decisione dell'Arabia Saudiata di giustiziare 47 terroristi. Condannati per aver progettato e compiuto attacchi terroristici contro i civili. Tra i giustiziati vi è anche un noto religioso sciita, Nimr al-Nimr. La sua uccisione, in particolare, ha scatenato l'ira dell'Islam sciita, con l'Iran in testa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.