Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Allarme Ex calciatori italiani a rischio di povertà

L'allarme è stato lanciato recentemente dall'ex giocatore dell'Atalanta  Guglielmo Stendardo e ora professore alla Libera Università degli Studi Sociali di Roma (Luiss). Il 60% degli ex calciatori in Italia sarebbe a rischio di povertà. Non perché guadagnavano poco bensì a causa di investimenti sbagliati e la scarsa attenzione per il fisco.

La nazionale di calcio italiana prima dell'incontro di finale ai mondiali tedeschi vinto ai rigori contro la Francia.

La nazionale italiana vincitrice dei Campionati mondiale di calcio del 2006 giocati in Germania.

(Keystone / Luca Bruno)

Ai più può davvero sembrare un paradosso parlare oggigiorno di calciatori poveri. Uno schiaffo agli altri lavoratori che guadagnano decisamente molto meno. Eppure è la realtà dei fatti.  Se in Europa il 40% dei calciatori professionisti rischia di finire in povertà solo 5 anni dopo il ritiro dal calcio giocato, la percentuale sale al 60% per quanto riguarda l’Italia.

Come detto a lanciare l’allarme è stato Guglielmo Stendardo, ex calciatore di serie A, dal 2012 è avvocato e adesso insegna Diritto Sportivo alla Luiss.

Motivi della povertà

Gli ex calciatori a rischio di povertà hanno condotto una vita decisamente al di sopra della media durante la carriera attiva e ridimensionare il proprio tenore di vita inoltre non è per niente facile. Altro problema la bassa scolarizzazione: sovente i calciatori hanno pensato solo a giocare a calcio trascurando la propria formazione scolastica. 

Anche per questo motivo, gli ex calciatori hanno poca dimestichezza con la gestione dei soldi e non è un caso che spesso cadano in investimenti sbagliati. Non da ultimo questi giocatori sono stati in  mano a manager poco scrupolosi.

Per quanto riguarda la formazione, tra i professionisti il 70% ha la terza media. L'1% è laureato.

Va anche aggiunto per onestà che dei circa 3000 calciatori professionisti in Italia solo il 10% guadagna cifre consistenti. Il resto, una volta conclusa la carriera, non può permettersi di vivere il resto della vita con una rendita sufficiente. La maggior parte devo trovare un lavoro. 

Soluzione?

Una possibile soluzione a questo problema - suggerisce sempre Stendardo alla Federazione gioco calcio italiana - potrebbe essere la creazione di un fondo di accantonamento di almeno cinque anni e obbligare i giocatori a stipulare una polizza vita che garantirebbe delle rendite vitalizie.

Ecco il servizio del nostro Tg.

calcio$

Gli ex calciatori italiano a rischio di povertà

tvsvizzera.it/fra con RSI

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box