Navigation

A Lucerna fumetto storico e al femminile

Un'immagine da un fumetto di Anke Feuchtenberger. www.fumetto.ch

Venerdì ha aperto i battenti a Lucerna il decimo festival Fumetto. Spazio particolare è dedicato quest'anno alle donne: il forum svizzero presenta il lavoro di giovani disegnatrici, mentre l'ospite d'onore è la berlinese Anke Feuchtenberger. In contemporanea con il festival, il museo storico di Lucerna presenta una mostra sulla storia svizzera a fumetti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 aprile 2001 - 09:26

Per la prima volta, è una donna l'ospite d'onore del festival Fumetto di Lucerna. Si tratta della berlinese Anke Feuchtenberger, una delle più note autrici di fumetti tedesche e insegnante nella «Fachhochschule für Gestaltung» di Amburgo.

A fianco di Anke Feuchtenberger, il pubblico di questa decima edizione del festival ritrova anche gli ospiti di onore delle passate edizioni, tra cui i disegnatori francesi Baru e Edmond Baudoin. A completare il tocco femminile dell'attuale rassegna, il forum svizzero è dedicato alle sempre più numerose donne attive nel mondo del fumetto. Fra le giovani speranze del fumetto svizzero che espongono a Lucerna, le ginevrine Nadja Raviscioni e Isabelle Pralong.

Il concorso internazionale in quattro lingue collegato al festival è consacrato quest'anno al tema degli «eroi». I lavori selezionati sono esposti a Lucerna. I vincitori dei primi premi saranno poi di nuovo ospiti del prossimo festival del fumetto a Sierre.

Come d'abitudine, varie manifestazioni contorneranno il festival: esposizioni, discussioni, proiezioni cinematografiche e spettacoli multimediali. Un atelier curato dalla disegnatrice Frida Bünzli permette ai bambini fra i 4 e i 12 anni di avvicinarsi all'arte del fumetto.

Fra le manifestazioni collaterali, da segnalare la mostra «Zeitreisen» (viaggi nel tempo) nel museo storico di Lucerna, dedicata ai fumetti di argomento storico. La mostra tenta di dare un quadro per quanto possibile completo dei fumetti che hanno affrontato temi di storia svizzera, dalla preistoria agli attuali consiglieri federali, dalla saga di Guglielmo Tell all'incendio del ponte di legno a Lucerna alcuni anni fa. Le pubblicazioni esposte sono una cinquantina.

Fra i fumetti esposti, il noto «Asterix fra gli Elvezi» dei francesi Goscinny e Uderzo, del 1970, e «Balthasar il confederato» degli svizzeri Andersen e Kunz del 1972.

La mostra rimarrà aperta fino al 12 agosto.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?