Navigation

"Multe per il burqa? Pago io"

Rachid Nekkaz tvsvizzera

L'imprenditore franco-algerino Rachid Nekkaz ribadisce il suo impegno

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 novembre 2015 - 15:11

L'imprenditore franco-algerino Rachid NekkazLink esterno ha ribadito oggi, martedì, che è disposto a pagare tutte le multe che le autorità ticinesi infliggeranno alle donne che indossano il burqa, così come ha già fatto in paesi in cui un divieto simile è già stato introdotto, come in Belgio, Francia e Olanda.

"Due anni fa sono stato a Ginevra e a Locarno e mi sono impegnato pubblicamente a pagare le multe al posto delle donne sanzionate perchè portano volontariamente il velo", ha dichiarato ai nostri microfoni all'indomani dell'approvazione in Gran Consiglio della legge contro la dissimulazione del voltoLink esterno.

"Dal 2010 tutto il mondo musulmano sa che pago le multe (in quell'anno ha messo a disposizione un fondo di un milione di euro con questo scopo), ho un sito internet con il mio nome e quindi è facile contattarmi", ha concluso spiegando come le donne eventualmente multate potranno farsi pagare l'ammenda.

RG/ads

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.