'Let's science' La scienza si impara meglio a fumetti

Immagine di una villa nel cui parco sono esposti cartonati con immagini fumettistiche.

Villa Saroli, sede della mostra e degli incontri.

ibsafoundation.org

Raccontare la scienza in modo informale, utilizzando il fumetto come strumento didattico e di divulgazione e attraverso l'incontro con i ricercatori. È il programma di 'Let's science', un percorso ideato e promosso dalla Fondazione IBSA giunto alla terza edizione, e che ha dato vita a una collana di libri.

A chiudere la manifestazione sarà un incontro pubblicoLink esterno con Paolo Nespoli sabato 16 novembre al LAC di Lugano. Intanto, in contemporanea al programmaLink esterno di lezioni speciali riservate alle scuole ('Uno scienziato tra noi'), è aperta a tutti una mostra alla Limonaia di Villa Saroli.

È dedicata alla nuova collana di libri Let's scienceLink esterno, che la Fondazione sta realizzando insieme al Dipartimento dell'educazione e della cultura del Canton Ticino (DECS), con il coinvolgimento di alunne e alunni delle scuole medie.

Primo piano della copertina di un fascicolo a fumetti con nuvoletta e scritta Cuore e cervello si parlano

Uno dei volumi realizzati.

ibsafoundation.org

Ogni volume è diviso in due parti: nella prima, uno scienziato affronta un argomento scientifico di attualità in relazione al corpo umano, presentando le informazioni in modo rigoroso ma con un linguaggio chiaro.

La seconda è costituita da un fumetto ispirato al tema trattato, realizzato dai professionisti della Scuola romana dei fumetti su soggetto e sceneggiatura di studenti di scuola media.

La collana, che contemplerà dieci temi scientifici, comprende per ora quattro volumi: alimentazione, attività fisica, cuore e cervello, onde elettromagnetiche.

Fumetti e incontri

Il Quotidiano della RSI ha incontrato Andrea Danani, ricercatore e responsabile dell'unità di biofisica computazionale dell'Istituto Dalle Molle, che si appresta a incontrare degli alunni di terza media per stimolare la loro curiosità e, perché no, invogliarli a intraprendere studi scientifici.


Parole chiave